Rivista di formazione e aggiornamento di pediatri e medici operanti sul territorio e in ospedale. Fondata nel 1982, in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri.

M&B Pagine Elettroniche

I Poster degli specializzandi

Una faringotonsillite ricorrente
Carmela Granato, Maria Francesca Gicchino, Grazia Cantelmi, Luisa D’Ambrosio, Alma Nunzia Olivieri
Scuola di Specializzazione in Pediatria, Dipartimento della Donna, del Bambino e di Chirurgia Generale e Specialistica, Seconda Università di Napoli
Indirizzo per corrispondenza: carmela.granato2012@gmail.com


Vittoria giunge alla nostra osservazione all’età di 2 anni per la presenza, da circa 1 anno, di episodi febbrili ricorrenti (circa ogni mese), della durata di 3-4 giorni (T max 40 °C), accompagnati da faringotonsillite essudativa, tumefazione dei linfonodi latero-cervicali e sottomandibolari, trattati sempre con terapia antibiotica.
Accrescimento staturo-ponderale nella norma.
Al ricovero presenta febbre (T max 39 °C), faringotonsillite essudativa e linfoadenopatia latero-cervicale. Gli esami ematochimici evidenziano: GB 12.220 (N 57%, L 31%, M 12%), Hb 10,5 g/dl, PLT 318.000/mm3, VES 76 mm/1 h, PCR 70 mg/dl (< 0,5), Sieroamiloide A (SAA) 20,2 mg/l (vn < 6,4), sideremia 5 µg/dl. Tampone faringeo, esame urine, urinocoltura, coprocoltura, Mantoux, Rx torace ed ecografia addome risultano negativi.
Escludiamo cause infettive, neoplastiche e reumatologiche. Somministriamo paracetamolo con miglioramento della sintomatologia dopo 4 giorni. Al controllo la piccola è in pieno benessere: gli indici infiammatori risultano nella norma. Nel sospetto di sindrome autoinfiammatoria trattiamo il successivo episodio febbrile con un’unica dose di steroide (prednisone) a cui seguono sfebbramento e miglioramento delle condizioni cliniche. Viene eseguita l’analisi molecolare del gene MEFV (Febbre Mediterranea Familiare) e MVK (sindrome da IperIgD), entrambe negative. Viene sospettata una PFAPA (Periodic Fever, Aphthous, Pharyngitis and cervical Adenopathies) e la piccola inizia il trattamento con prednisone in monosomministrazione durante l’episodio febbrile. Nei mesi successivi gli episodi febbrili diventano sempre più frequenti (circa un episodio a settimana), si decide quindi di sottoporre la bambina a intervento di tonsillectomia, a cui segue drastica riduzione degli episodi febbrili ricorrenti. Nella diagnosi differenziale di faringotonsilliti ricorrenti non spiegate bisogna considerare anche la PFAPA.

Vuoi citare questo contributo?

C. Granato, M.F. Gicchino, G. Cantelmi, L. D’Ambrosio, A.N. Olivieri. Una faringotonsillite ricorrente. Medico e Bambino pagine elettroniche 2015;18(5) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1505_30.html