Rivista di formazione e aggiornamento di pediatri e medici operanti sul territorio e in ospedale. Fondata nel 1982, in collaborazione con l'Associazione Culturale Pediatri.

M&B Pagine Elettroniche

I Poster degli specializzandi

Il dimagrimento nel bambino obeso, panacea di tutti i mali, cura la steatosi epatica anche in chi presenta una predisposizione genetica
Pierluigi Marzuillo, Anna Grandone, Emanuele Miraglia del Giudice, Laura Perrone
Dipartimento della Donna, del Bambino e di Chirurgia Generale e Specialistica, Seconda Università di Napoli
Indirizzo per corrispondenza: pierluigi.marzuillo@gmail.com


Obiettivi - Il gene PNPLA3 codifica per una proteina che idrolizza i trigliceridi a livello epatico. Il polimorfismo rs738409 C→G, codificante per la variante I148M, è stato associato a steatosi epatica. Scopo dello studio è valutare se il decremento ponderale in una popolazione di bambini obesi possa modificare la capacità dell’allele 148M di determinare steatosi.

Metodi - Il polimorfismo è stato analizzato in 129 bambini obesi. Tutti i pazienti sono stati sottoposti a regime dietetico controllato e a valutazione clinica, antropometrica, metabolica e strumentale (ecografia epatica), prima e dopo la perdita di peso.

Risultati - La frequenza di distribuzione dei differenti genotipi rs738409 del PNPLA3 era in equilibrio di Hardy-Weinberg: 53 pazienti erano omozigoti per l’allele wild type (CC), 51 erano eterozigoti (CG) e 25 omozigoti per l’allele minore (GG). Prima della perdita di peso le ALT erano significativamente aumentate negli omozigoti 148M e negli eterozigoti rispetto agli omozigoti wild type (p = 0,01 e p = 0,02 rispettivamente). La prevalenza della steatosi era del 76% negli omozigoti 148M, del 33% negli eterozigoti e del 17% negli omozigoti 148I (p = 0,01). Gli omozigoti 148M in seguito al decremento ponderale presentavano una maggiore riduzione dei livelli di ALT e della prevalenza della steatosi rispetto agli altri genotipi. I livelli di ALT e la prevalenza della steatosi erano simili tra i vari genotipi dopo la perdita di peso, indicando che il polimorfismo I148M del gene PNPLA3 agisce soltanto in presenza di obesità. I pazienti omozigoti per l’allele minore, a differenza dei portatori degli altri genotipi, mostravano una stretta correlazione tra la riduzione dei livelli di ALT e la riduzione del rapporto vita/altezza (W/Hr).

Conclusioni - La perdita di peso (espressa come riduzione del rapporto vita/altezza) annulla l’effetto dannoso dell’allele 148M del gene PNPLA3. Pertanto i bambini omozigoti per l’allele 148M potrebbero trarre particolare beneficio dal dimagrimento.


Vuoi citare questo contributo?

P. Marzuillo, A. Grandone, E. Miraglia del Giudice, L. Perrone. Il dimagrimento nel bambino obeso, panacea di tutti i mali, cura la steatosi epatica anche in chi presenta una predisposizione genetica. Medico e Bambino pagine elettroniche 2015;18(7) https://www.medicoebambino.com/?id=PSR1507_40.html